Torta di compleanno: la mia prima vera volta

Per il compleanno della mia figlioccia, Sofia, mi sono proposta di realizzare la torta per il suo quinto  compleanno.

In passato ho già realizzato dei dolci per le feste, casette di ginger bread e dolcetti vari, ma questa l’ho considerata la mia prima vera volta, la volta in cui ho realizzato una torta di compleanno senza improvvisare e ragionando insieme a Valentina su come poterla realizzare.

Perché la considero la mia prima vera volta? Semplice, perché prima non conoscevo le potere potente e super mofficioso delle bloggalline, ecco perché questa è stata la prima vera volta.

Ho iniziato la preparazione 3 giorni prima della festa, realizzando per la base una 4/4 seguendo queste dosi

Base quattro quarti
 
Autore:
Tipologia: Dolce
Cucine: Italiana
Ingredienti
  • 450 g di uova a temperatura ambiente
  • 450 g di zucchero semolato
  • 450 g di burro
  • 450 g di farina 00
Procedimento
  1. Fondere il burro al microonde o a bagnomaria
  2. Lasciarlo freddare fino a farlo tornare a temperatura ambiente
  3. Montare le uova aggiungendo lo zucchero, la vaniglia
  4. Lavorare fino ad ottenere un composto chiaro e molto spumoso
  5. Aggiungere la farina setacciata
  6. Incorporate la farina aiutandovi con una spatola con il solito movimento delicato che va dal basso verso l’alto
  7. Versare a filo il burro incorporando anche questo con movimenti delicati
Con queste dosi ho ottenuto un impasto di 1 kg e 700 grammi, che ho poi successivamente suddiviso in 3 stampi precedentemente imburrati e inserendo nel fondo un disco di carta da forno.

Ho infornato ogni torta per 35 minuti a 170°. Vale la prova dello stuzzicadenti.

Una volta completata la cottura delle 3 basi ho aspettato che si freddassero per poterle avvolgere nella pellicola e lasciarle una notte in un luogo fresco (io taverna), sia perché era notte fonda e volevo andare a dormire, sia perché volevo farcire e decorare la torta il giorno prima della festa.

Ovviamente se iniziate la lavorazione la mattina potete eseguire tutto in giornata, ma a volte un po’ di riposo alle basi non guasta, riescono ad essere molto più modellabili nel caso in cui doveste tagliarle.

Il giorno successivo ho preparato la farcitura: la festeggiata voleva fragole e panna, semplice e d’effetto.

Ho messo quindi a riposare le fragole tagliate cosparse con un po’ di zucchero, il tanto che bastava per far rilasciare loro il classico succo rosso rubino mentre montavo la panna chantilly.

Schermata 2015-03-31 alle 23.15.38

La panna ovviamente mentre la lavoravo è impazzita, ed erano le 20:00 del giorno prima della festa, non vi racconto la corsa all’ultimo supermercato aperto della zona per poter ricominciare tutto da capo…devastante!

Quindi ho dovuto ricominciare tutto da capo, per ogni 100 g di panna di solito ci vogliono 30 g di zucchero a velo quindi io ho montato 500 g di panna con 150 g di zucchero a velo per poter avere panna a sufficienza sia per la farcitura sia per la copertura totale della torta.

Ho poi disposto sull’alzatina la prima base di 4/4, con una Sac à poche piena di panna, ho farcito gli strati aggiungendo le fragole e una volta impilati tutti gli strati ho ricoperto l’intera torta con la panna e guarnito con l’ostia decorata e la gelatina trasparente per rendere lucido il disegno.

Il tema non poteva che essere Frozen, quindi zuccherini azzurri e fiocchi di neve con pdz azzurra come se non ci fosse un domani per finire il tutto.

Una volta completata la torta l’ho riposta in frigo per una notte (se non avete un frigorifero in più in casa scarico di qualsiasi tipo di alimento vi consiglio di decorare la torta il giorno stesso della festa e consegnarla senza passare per il frigorifero, il rischio degli odori che penetrano nella panna è altissimo)

IMG_3378 copia

Come prima torta posso ritenermi abbastanza soddisfatta e che il prossimo compleanno abbia inizio!    

Un ringraziamento speciale va a Valentina che con santa pazienza mi ha accompagnato virtualmente in questa lavorazione!

More from Mandolina

Fluffosa alle pere

Ebbene si, sono entrata nel loop delle fluffose! Cosa sono le fluffose?...
Read More

6 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *